Back to top

Striscioni arcobaleno "Tutto andrà bene"

In Italia, il paese europeo più colpito dal nuovo coronavirus, le persone hanno cominciato, poco dopo l'annuncio del lockdown generale (10 marzo 2020), a realizzare striscioni con arcobaleni e il messaggio ottimistico: "Andrà tutto bene". Li hanno appesi a finestre e balconi, trasmettendo collettivamente un messaggio positivo di fronte a una situazione difficile. Si è trattato anche di un modo per coinvolgere l'intera famiglia, dal momento che negli striscioni appaiono spesso anche disegni fatti dai bambini.

L'arcobaleno è il simbolo di tempi migliori dopo la tempesta. In Italia, tuttavia, è anche un simbolo di pace. Durante le recenti guerre, la gente ha frequentemente esposto alle finestre lo striscione con l'arcobaleno e la parola "pace", ad esempio per protestare contro la guerra in Iraq del 2003. L'arcobaleno è anche la bandiera del movimento LGBT. Nella bandiera della pace, i colori freddi dell'arcobaleno sono in alto, mentre in quella del movimento LGBT è il contrario. Per il coronavirus, l'arcobaleno appare invece prima di tutto come un simbolo di speranza ed è raffigurato con grande libertà artistica.

In un certo senso, gli arcobaleni italiani rispecchiano l'espressione cantonese jiayou ("non arrenderti") utilizzata in Cina, dove ha avuto inizio la pandemia.

Il messaggio "Andrà tutto bene" si è diffuso molto rapidamente in Italia. Lo slogan è presente anche su altri materiali, come post-it, semplici fogli di carta appesi alle porte dei negozi o come hashtag. Analogamente ad altri slogan, come ad esempio #iorestoacasa, sta diventando una delle sequenze di parole più famose associate alla pandemia di coronavirus.

Dall'Italia l'arcobaleno si è diffuso in altri paesi. Ad esempio, sta diventando molto popolare nel Regno Unito, dove arcobaleni disegnati dai bambini sono apparsi anche nel discorso televisivo della regina del 5 aprile 2020. Trasmettono messaggi analoghi di coraggio e ottimismo, nonché di sostegno al personale medico. In Belgio, seguendo l'esempio italiano, hanno preso vita diverse iniziative, che sono state amplificate sui social media. Lo slogan principale "Tout ira bien", in francese, o "Alles komt goed", in neerlandese, ha sempre accompagnato il messaggio importante "Restate a casa".

In Romania, lo slogan "Totul va fi bine" si trova anche come logo, con un piccolo arcobaleno, sulle maschere di plastica donate ai medici di Baia Mare.

In sintesi, il disegno dell'arcobaleno e gli slogan ad esso associati sono diffusi in tutta Europa. Potete aiutarci a documentare questa iniziativa a livello europeo inviando fotografie di questi striscioni o altri oggetti simili provenienti da tutto il continente, con indicazione del luogo e della data, alla nostra équipe responsabile delle collezioni cliccando qui.

Crediti fotografie: Maschere di protezione in Romania, Centro di ricerca e formazione dell'Università del Nord, Baia Mare (Romania)Image credit: Protective masks in Romania, The Center for Research and Training of North University, Baia Mare, Romania

GALLERY